Privacy Policy

Privacy Policy

Disponibile il numero XVIII dei Quaderni. Speciale: Attraverso la società degli individui

 

Quaderni della ginestra                                                                n° 18, anno 2016/2

INTRODUZIONE

Diciotto anni di attività de La società degli individui e cinque dei Quaderni della Ginestra hanno permesso di riunire gli sforzi intellettuali di diversi collaboratori accomunati dalla prospettiva di una ricerca che, pur nelle sue diverse sfaccettature, si può riassumere nel macro-tema “Individualismo e Comunità”. La vastità di tale proposta non si esaurisce ovviamente a questo. Da un lato, infatti, le riviste hanno saputo sviscerare argomenti di dibattito che hanno esulato da tali tematiche, pur mantenendole come orizzonte concettuale. Dall’altro, i singoli collaboratori sono riusciti a far convergere le proprie ricerche in una prospettiva di dialogo reciproco, arricchita dell’eterogeneità delle rispettive specializzazioni.

Proprio tale eterogeneità costituisce il filo rosso del nuovo numero dei Quaderni della Ginestra, il cui obiettivo è riunire alcuni collaboratori delle riviste per presentare, in uno spazio ridotto, gli sviluppi più recenti delle loro ricerche, al fine di darne uno sguardo retrospettivo mescolandole con le proprie esperienze di vita, o di ripensare, in generale, la filosofia come disciplina. Filo conduttore che unisce le varie riflessioni è infatti il ripensamento del ruolo della filosofia nel dibattito contemporaneo, sia nella sua valenza morale-trascendentale, sia nella sua utilità pratica e interdisciplinare. L’invito che porgiamo al lettore è riscoprire il ruolo della riflessione e ad adottare quell’attitudine alla meraviglia che troppo spesso sembra andata persa.

Un ringraziamento speciale va a Ferruccio Andolfi e Corrado Piroddi, il cui lavoro ha reso queste pagine migliori di quanto sarebbero state altrimenti.

I Curatori

VALERIA BIZZARI

TIMOTHY TAMBASSI


Disponibile il numero XVII dei Quaderni

Siamo lieti di presentarvi  il primo numero dei Quaderni per l’anno 2016. Buona lettura!

Sostieni La Ginestra con il 5 per mille!

Svanita la possibilità per quest’anno di partecipare all’assegnazione del due per mille per scadenza dei termini d’iscrizione ho appurato però, grazie alla consulenza del Forum solidarietà di Parma, che i contribuenti possono sostenerci già da ora, con la prossima dichiarazione dei redditi, attraverso il 5 per mille, che può esserci destinato, in quanto l’associazione risulta iscritta già da anni all’elenco delle “Associazioni di promozione sociale”.

Mi rendo conto che molti dei destinatari della presente lettera avranno già destinato il loro cinque per mille a qualche ente di volontariato di loro fiducia. Comunque desidero segnalarti che anche la nostra associazione svolge un apprezzato lavoro educativo e di ricerca, che coinvolge decine di studiosi e studenti (universitari ma anche medi), e la stessa cittadinanza che da parecchi anni accede a una formazione filosofica qualificata e gratuita attraverso i corsi Pensare la vita.

Nel promemoria allegato, come nel sito la-ginestra.com, puoi trovare un elenco delle principali iniziative promosse in questi anni. Tutte si richiamano a una originale tradizione di pensiero di individualismo solidale che può avere importanti ricadute sulle pratiche del volontariato.

I contributi di enti pubblici e privati, le quote associative e le piccole donazioni che riceviamo non ci permettono di intraprendere queste numerose iniziative con il vigore che meritano. Per questo ti sollecito a prender nota, compatibil­mente con gli impegni già assunti, anche della nostra richiesta, o quanto meno di tenerne conto nei prossimi anni.

La procedura è assai semplice: nella casella del cinque per mille dovrai indicare soltanto il codice fiscale dell’associazione La ginestra: 92090790343, sufficiente a identificarla, e apporre la tua firma.

Il prossimo anno valuteremo se non sia più opportuno richiedere, come è possibile, l’attribuzione di entrambe le aliquote, il 5xmille, ma anche il due per mille, riservato alle sole associazioni culturali, e a cui abbiamo ugualmente titolo. Forse questa opzione, di cui ti terremo informato, potrebbe permettere ad alcuni dei destinatari di questa lettera di sostenerci senza rinunciare ad appoggiare, con il cinque per mille, le associazioni a cui l’hanno finora destinato.

Ti ringrazio in ogni caso dell’attenzione che ci riserverai, pregandoti di scusarmi se per una certa imperizia burocratica ti ho ripetutamente interpellato. A mia parziale discolpa devo dire che non è stato facile orientarmi in una materia fluida, dove gli stessi esperti non hanno (né danno) sempre un’informazione completa:

Un caro saluto

Ferruccio Andolfi